I ponti più belli di New York City

Wildlife in Kenya

Il Kenya, grazie alla diversità delle sue aree geografiche, è in grado di accogliere una straordinaria gamma di wildlife (animali selvatici). L’enorme biodiversità del Kenya comprende oltre 25.000 specie di animali differenti. I principali parchi e riserve nazionali del paese, Masai Mara, Amboseli, Tsavo Est e Ovest, Samburu-Buffalo Springs, Meru e Laikipia, ospitano la maggior parte o tutti i Big Five, ovvero leone, leopardo, elefante , bufalo e rinoceronte nero.

Il parco del Masai Mara non è solo famoso per la grande migrazione annuale degli gnu. Ma è anche rinomato per essere il regno di leoni e ghepardi. Non sono rari nemmeno gli avvistamenti di leopardi, iene maculate e di sciacalli. Inoltre il Mara ospita grandi branchi di zebre, giraffe, bufali, gazzelle e varie specie di antilopi come hartebeest, waterbuck, dik-dik, duiker e klipspringer.

La savana meridionale del Masai Mara e il Parco Nazionale di Amboseli sono la patria di eland, la gazzelle, impala di Grant e Thomson, nonché di giraffe, zebre e facoceri.

Coccodrilli e ippopotami popolano indisturbati i fiumi Mara e Talek, mentre il Parco Nazionale di Amboseli, famoso per le mandrie di elefanti, ospita alcuni rinoceronti in via di estinzione, che sono visti più spesso a Lewa Conservancy, un progetto dedicato al loro recupero.

Le più aride riserve settentrionali, in particolare la Samburu-Buffalo Springs, fanno da casa ad una serie di pascolatori piuttosto particolari, come l’oryx, il Lesser kudu, il Dik-dik di Guenther e l’esclusivo gerenuk dal collo lungo. Inoltre, i visitatori di Samburu hanno l’occasione di vedere il leopardo e due specie endemiche trovate solo nel nord del Kenya: la zebra di Grevy e la giraffa reticolata.

Diverse sono le foreste montane degli Aberdares e Central Highlands, le foreste costiere intorno a Diani e Watamu e le foreste tropicali di pianura in siti occidentali come Kakamega. Questi tendono ad ospitare una vasta gamma di scimmie, in particolare il suggestivo colobus in bianco e nero, così come le piccole antilopi della foresta come duiker e altri animali particolari come il toporagno di elefante dalla groppa dorata (solo sulla costa), il bongo di montagna (solo ad Aberdares ) e Maiale della foresta gigante.

Il Kenya è anche una delle destinazioni di birdwatching più belle del mondo, con una grande varietà di uccelli colorati e suggestivi in ​​mostra in tutto il paese. Esistono diversi luoghi, in particolare attorno al Lago Naivasha o  al Lago Baringo, in cui è possibile osservare 100 specie differenti in un solo giorno.

Ma gli appassionati di birdwatching in visita in Kenya, dovrebbero trascorrere le loro vacanze tra la foresta di Kakamega, Samburu-Buffalo Springs, il Monte Kenya, i laghi della Rift Valley e le foreste costiere intorno a Watamu per poter ammirare almeno 350 differenti specie di uccelli.

 

Conservazione del wildlife in Kenya

 

La siccità, i cambiamenti climatici, la deforestazione, l’uomo e il controllo inadeguato del governo mettono a dura prova i diversi ecosistemi del Kenya. Le specie chiave di punta come l’elefante africano, il rinoceronte e il leone sono in pericolo di estinzione, come il roan, lo zibellino, il sitatunga, la zebra di Grevy e il licaone.

Tuttavia, il paese è molto attivo nel campo della conservazione. Il Kenya Wildlife Service elabora costantemente piani strategici per la gestione sostenibile della fauna selvatica e dei loro habitat. Inoltre, collabora con alcune organizzazioni governative e internazionali senza fini di lucro per la ricerca scientifica e con campagne educative.

Il futuro della fauna selvatica e delle terre selvagge del Kenya dipende molto anche dalla conservazione delle terre private, specialmente quelle situate nelle aree attorno alle riserve nazionali, che operano attivamente nella protezione della fauna selvatica del Kenya.

 

Ciao, sono Francesca, ma tutti mi chiamano semplicemente Francy.  Nel mio cuore c’è l’Africa, la natura e il wildlife. Avevo un lavoro sicuro che amavo molto, ma le circostanze e le emozioni mi hanno portato a chiudere quel capitolo della mia vita, per aprirne uno migliore. Ed ora, uno ad uno, sto realizzando tutti i miei sogni. Sono partita per il Sud Africa ed ho conseguito la certificazione FGASA Level 1, diventando così una Safari Guide. Ora giro per il mondo senza vincoli e limiti, mossa solo dall’ardente desiderio di vivere le mie più profonde emozioni in totale libertà. 

Francy