Chobe National Park, Botswana

Francy, Senior Traveler

Home » Botswana » Chobe National Park, Botswana

Il Chobe National Park è uno dei parchi nazionali più belli del Botswana e una delle riserve migliori per vivere un tipico safari africano. E’ situato nell’estremo nord del paese, e prende il nome dal fiume che lo costeggia nella parte settentrionale, il Chobe River.

 

Il parco

Il Parco Nazionale di Chobe fu fondato nel 1968 con l’obiettivo di proteggere sia la vasta fauna selvatica che lo popola, sia la biodiversità che lo caratterizza.

E’ un parco molto vasto, copre circa 11.700 chilometri quadrati e comprende paludi, pianure alluvionali, praterie e boschi di mopane, ed è suddiviso in diverse aree ben distinte.

Nel nord c’è il Chobe Riverfront (conosciuto anche come Serondela), vicino alla città di Kasane. E’ una delle aree più visitate del parco, in quanto l’aeroporto di Kasane ne facilita l’accesso. Inoltre, la vicinanza alle cascate Vittoria (distanti solo circa 90 Km) la rendono appetibile per milioni di turisti ogni anno.

L’area è ricoperta da pianure alluvionali e foreste di mopane, popolate dalla più alta concentrazione di fauna selvatica del parco.

A nord-ovest troviamo il Linyanti ed è una delle aree più selvagge e isolate del Botswana. L’area è paludosa, tappezzata da lagune e caratteristici canali che la rendono perfetta per molte specie  animali, specialmente durante la stagione secca, quando l’acqua scarseggia e la fauna migra in questa zona, per trarre vantaggio dalle acque permanenti dei fiumi Kwando e Linyanti.

L’arida area del Savuti si trova all’interno del Chobe National Park ed offre un netto contrasto con le terre verdeggianti del Linyanti. Durante la stagione delle piogge, le erbe nutrienti che crescono nel Savuti sono fonte vitale per gnu e zebre, che accorrono a migliaia ogni anno. Ovviamente, dove c’è abbondanza di selvaggina, c’è abbondanza di predatori. Infatti l’area è particolarmente famosa per la presenza di leoni, ghepardi e iene.

Infine l’area del Nogatsaa Tchinga, l’area meno famosa del Chobe National Park priva di alloggi e campeggi, che la rendono meno attraente.

 

Chobe National Park: Wildlife

Il Chobe National Park è rinomato per ricchezza della fauna che lo abita. Non solo il wildlife nel parco è molto vario, ma è anche tanto.

L’elefante e il bufalo sono una presenza permanente sulle sponde del fiume nei mesi secchi. Non è difficile avvistare enormi mandrie di elefanti, anche centinaia tutti insieme. Anche la zebra di Burchell è molto comune nel Chobe.

Come già anticipato, i predatori sono abbastanza facili da trovare nel Chobe: leoni, leopardi, ghepardi e licaoni sono avvistati regolarmente. Inoltre, tutti i Big Five sono presenti nel parco, anche se il rinoceronte è sempre più difficile da avvistare.

Infine, il fiume Chobe costituisce l’habitat ideale per gli animali che dipendono dall’acqua, come ippopotami, coccodrilli del Nilo, e waterbuck.

 

Birdwatching al Chobe National Park

Il Chobe National Park è anche un eccellente parco per gli amanti del birdwatching. Sono state registrate oltre 450 specie differenti.

Le escursioni in barca sul fiume e le sue rive sono eccellenti punti di osservazione per avvistare

molti uccelli acquatici come il l’African darter, il fish eagle, il bateleur eagle, il magnifico Southern carmine bee-eater, il kingfisher (martin pesacatore), White-headed Lapwing, Lesser Jacana e l’African Skimmer.

 

Cosa fare al Chobe National Park

1. Game drive (safari): ovviamente, l’attività principale al Chobe National Park è il game drive (safari) e ci sono molti modi per farlo. Molte persone scelgono un tradizionale safari in jeep con una guida esperta, organizzato dal lodge o dal tour operator. E in genere, i game drive vengono fatti uno al mattino presto e uno sul tardo pomeriggio, che rappresentano i momenti migliori per avvistare gli animali.

Alcuni lodge offrono anche il game drive notturno, focalizzati sull’avvistamento della fauna notturna che popola il Chobe.

2. Safari a piedi: questa attività offre l’opportunità di avvicinarsi maggiormente al bush, conoscendolo più da vicino. In questo caso, visti i pericoli della savan, c’è l’obbligo di essere accompagnati da una guida esperta, che vi parlerà non solo degli animali, ma anche della storia del territorio e della flora che circonda l’area.

3. Safari in barca: questo tipo di safari è studiata per farti osservare la fauna selvatica che si riunisce in riva al mare per bere, in particolare gli elefanti.

4. Self-drive: se il budget è limitato, puoi optare per un self-drive, in cui sarai libero di girare il parco a tuo piacere, nel rispetto, ovviamente, delle regole del bush.

5. Esplora la vicina Namibia: il Botswana, al nord, è separata dalla Namibia dal fiume Chobe. Quindi, perché non attraversare il fiume per visitare l’Impalila Island, a nord di Kasane? L’Impalila Island è situata nell’estremità orientale della Namibia, delimitata a nord dal fiume Zambesi e a sud dal Chope river. E’ lunga circa 18 km ed è abitata da sole  2.500-3.000 persone che vivono in piccoli villaggi.

Scoprire l’isola con un locale è veramente interessante. Non c’è elettricità sull’isola e, per tradizione, gli edifici sono costruiti usando solo quello che è disponibile, principalmente sabbia e ance.

6. Cena romantica sul Chobe River a bordo di una barca: se sei stanco delle solite cene nel lodge, puoi vivere l’esperienza del fiume Chobe di notte. Trascorrerai la serata ascoltando la vita notturna lungo il fiume, sorseggiando un buon vino e assaporando un’ottima cena romantica a lume di candela. Inoltre, le barche utilizzate per la cena hanno un piano superiore dove poter ammirare l’incredibile cielo stellato del Botswana.

 

Dove dormire nel Chobe National Park

L’area del Chobe Riverfront è una grande attrazione turistica, e di conseguenza offre un’ampia scelta di alloggi sia a Kasane che nelle vicinanze.

All’interno del parco ci sono sistemazioni per tutti i tipi di budget: campeggi pubblici economici di Ihaha, Savuti o Linyanti, campi tendati privati, campi mobili privati e lodge di lusso, come il Chobe Game Lodge, un eco-lodge a cinque stelle, situato sulle rive del fiume Chobe.

 

Quando visitare il Chobe National Park

Il periodo migliore per visitare il Chobe National Park è durante la stagione secca, che va da maggio ad ottobre. Le giornate sono soleggiate, calde e secche; mentre le notti possono diventare fredde. I mesi più caldi tra settembre e ottobre e i mesi più freddi da maggio ad agosto. Le strade sono facilmente percorribili sia per i veicoli con guida esperta, sia per i self-drive.

Questo è il momento migliore per gli avvistamenti e l’osservazione della fauna selvatica, specialmente attorno alle pozze d’acqua e lungo i fiumi. Ma è anche il periodo dell’alta stagione, dove i prezzi sono più alti.

Lungo il fiume Chobe l’intensa presenza degli animali diminuisce con l’arrivo delle piogge verso novembre, ma il paesaggio cambia notevolmente. La savana si trasforma completamente: da semi desertica in pianura lussureggiante ricca di branchi di gnu e zebre.

Non è il momento migliore per un safari, ma è ottimo per il birdwatching, i prezzi sono più bassi e c’è meno turismo di massa.

 

Come raggiungere il Chobe 

Il modo più semplice per raggiungere Chobe National Park è con un volo per l’aeroporto di Kasane (BBK), situato appena fuori dalla città di Kasane e vicino all’ingresso nord del parco.

In alternativa, puoi prendere un volo per l’aeroporto di Victoria Falls (VFA) nello Zimbabwe e fare un’escursione di 2/3 giorni nel Chobe.