I ponti più belli di New York City

Kenya consigli di viaggio. Tante informazioni pratiche

Sicurezza

“E’ sicuro viaggiare in Kenya?”. Questa è una domanda che molti viaggiatori fanno, in particolare dai principianti  del safari che desiderano consigli di viaggio per questo magnifico paese dell’Africa orientale.

Nonostante il Kenya sia stato vittima di tragici attacchi terroristici, è importante ricordare che questi sono avvenuti molto lontano dai principali snodi turistici. La sicurezza è stata rafforzata in tutti gli aeroporti, in particolare al Jomo Kenyatta e al Wilson, e negli hotel di Nairobi.

 

Valuta

La valuta nazionale del Kenya è lo scellino keniota. Valute estere come il dollaro USA sono ampiamente accettate, in particolare nelle attività legate al mondo safari. Per quanto riguarda, invece, gli acquisti fatti nei bar, negozi di souvenir e pasti non inclusi nel viaggio, ti consiglio di pagare in valuta locale.

Note: a causa del numero di banconote false in circolazione, nessuna banconota in dollari USA stampata prima del 2003 è accettata in Kenya e la soluzione più sicura è portare banconote stampate dopo il 2006.

Banche e bancomat si trovano nelle principali destinazioni di viaggio in Kenya e tutte le principali carte di credito sono ampiamente accettate, in particolare MasterCard, Visa e American Express.

 

Mance

E’ consuetudine dare la mancia per un buon servizio in Kenya, anche se, ovviamente è a tua discrezione. Tieni presente che alcuni degli hotel più grandi aggiungono in automatico un costo di servizio sul tuo conto.

In genere, nei ristoranti e nei bar della città, quando il costo del servizio non è incluso, è consuetudine lasciare una mancia del 10%.

 

Clima

  • Temperature medie estive: da 20 ° C a 34 ° C
  • Temperature medie invernali: 18 ° C a 29 ° C
  • Stagione delle piogge: da metà marzo a giugno (“piogge lunghe”) e da ottobre a dicembre (“piogge brevi”)

Approfondimento: Quando andare in Kenya

 

Cosa mettere in valigia

Per un safari in Kenya, è consigliato un abbigliamento casual leggero in colori neutri (cerca di evitare bianco, nero e blu) e una giacca calda per i safari serali. Per ulteriori informazioni leggi: Cosa mettere in valigia per un safari.

Nelle principali città del Kenya il codice di abbigliamento è conservatore ma non eccessivamente formale: jeans e top modesti per le donne vanno bene. I costumi da bagno sono accettabili sulla spiaggia, ma dovrai coprirti nei luoghi pubblici.

 

Voli e spostamenti

Aeroporto internazionale Jomo Kenyatta: è il principale aeroporto dell’Africa orientale e si trova a 13 km da Nairobi. E’ la porta di accesso alle spiagge di Masai Mara, Amboseli, Mombasa, Zanzibar e Tanzania. Ci sono anche buoni collegamenti da qui con l’Uganda, il Ruanda e le Seychelles.

Wilson Airport: è un aeroporto regionale a circa 90 minuti di strada da Jomo Kenyatta. Wilson è l’hub per quasi tutti i voli interni del Kenya e serve le rotte fly-in per i safari.

Aeroporto internazionale Moi Mombasa: è situato a circa 10 km a nord-ovest della città di Mombasa, ed è la porta d’accesso alla costa keniota.

I voli charter sono un ottimo modo per spostarsi in Kenya ed evitare le strade spesso sterrate del paese. I trasferimenti dalle piste di atterraggio ai lodge o campi safari, in genere, avvengono con veicoli 4X4.

 

Visto turistico

Per entrare in Kenya è richiesto un visto turistico che è facilmente ottenibile online prima della partenza. Il visto turistico è valido per tre mesi dalla data di entrata ed è rinnovabile per altri 90 giorni.

Per maggiore approfondimento su come ottenete il visto turistico puoi leggere: Come richiedere il visto turistico elettronico per il Kenya.

 

Persone e cultura

La popolazione del Kenya è prevalentemente giovane, quasi il 75% dei kenioti ha meno di 30 anni ed è composta da molti gruppi etnici che includono i famosi Maasai.

L’inglese e lo swahili sono le lingue ufficiali e la stragrande maggioranza dei kenioti si considera cristiana. Circa il 10% della popolazione è musulmana, e la maggioranza vive sulla costa dell’Oceano Indiano del Kenya.

 

Paesaggio e fauna selvatica

A cavallo dell’equatore, il Kenya è dominato dalla Rift Valley, una regione rialzata di laghi, colline e montagne che è il risultato di una crepa di 6 000 km nella crosta terrestre. Le dolci praterie temperate della Rift Valley centrale ospitano un numero enorme di animali e di conseguenza i parchi e le riserve più famose del Kenya.

Le boscaglie calde e aride del nord del Kenya ospitano parchi più selvaggi e remoti e un diverso gruppo di animali, mentre la costa dell’Oceano Indiano è un lungo tratto di spiagge sabbiose, barriere coralline e isole tropicali.

Il Kenya è particolarmente conosciuto per la migrazione degli gnu che si muove attraverso l’ecosistema del Masai Mara e del Serengeti.

Grazie al divieto di caccia del Kenya di caccia e alle iniziative di conservazione delle comunità private, oggi il Kenya può ancora vantare di un buon numero di Big 5, abbondanti predatori, antilopi e una lunga lista di specie di uccelli.

 

Ciao, sono Francesca, ma tutti mi chiamano semplicemente Francy.  Nel mio cuore c’è l’Africa, la natura e il wildlife. Avevo un lavoro sicuro che amavo molto, ma le circostanze e le emozioni mi hanno portato a chiudere quel capitolo della mia vita, per aprirne uno migliore. Ed ora, uno ad uno, sto realizzando tutti i miei sogni. Sono partita per il Sud Africa ed ho conseguito la certificazione FGASA Level 1, diventando così una Safari Guide. Ora giro per il mondo senza vincoli e limiti, mossa solo dall’ardente desiderio di vivere le mie più profonde emozioni in totale libertà. 

Francy