Kgalagadi Transfrontier Park

Il Kgalagadi Transfrontier Park in Sudafrica è una vasta area di vera natura selvaggia, un ecosistema ancora intatto: ondeggianti dune di sabbia rossa punteggiate da erba verde salvia e cieli blu cobalto pieni di nuvole bianche e gonfie. Ovviamente, in un paesaggio del genere, non possono mancare gli animali selvatici. Una vasta gamma di specie differenti si è adattata per sopravvivere in questo ambiente così arido.

 

Indice dei contenuti

  1. Cos’è un Parco Transfrontaliero
  2. Introduzione al Kalahari
  3. Introduzione al Kgalagadi Transfrontier Park
  4. Mappa del parco
  5. Fauna selvatica del Kgalagadi Transfrontier Park
  6. Come arrivare
  7. Quando visitare il Kgalagadi Transfrontier Park
  8. Dove dormire nel Kgalagadi Transfrontier Park
  9. Regole per visitare il Kgalagadi
  10. Domande frequenti

 

Cos’è un Parco Transfrontaliero

Un Parco transfrontaliero è un parco che si estende attraverso più paesi internazionali senza recinti nel mezzo.

Il Kgalagadi è stato il primo parco transfrontaliero ufficiale nato in Africa e deriva dalla fusione due parchi nazionali avvenuta nel 1999: il Kalahari Gemsbok Park del Sudafrica e il Gemsbok National Park del Botswana. Il kalagadi National Park viene gestito congiuntamente dai due paesi e mira a proteggere tutte le aree come un’unica entità.

 

Introduzione al Kalahari 

Il Kgalagadi Transfrontier Park (o KTP) si trova nell’angolo sud-ovest del Kalahari, una vasta distesa di sabbia che copre gran parte del Botswana e parti della Namibia e del Sudafrica.

Spesso si definisce il Kalahari un deserto, ma, se vogliamo essere precisi, è più un semi-deserto. Un’area che riceve meno di 255 mm di pioggia all’anno è definita deserto. La media dell’intero Kalahari è leggermente superiore e nell’estremo sud-ovest del Kalahari, dove si trova il KTP, invece, le precipitazioni sono più basse. Circa 200 mm all’anno, il che lo colloca saldamente all’interno della definizione di deserto. Quindi, mentre l’intero Kalahari non è un deserto, l’area del Kgalagadi Transfrontier Park può essere considerata desertica.

 

Introduzione al Kgalagadi Trsnsfrontier Park 

Il Kgalagadi Trsnsfrontier Park si estende per oltre 37.000 chilometri quadrati tra Sudafrica e Botswana, il che lo rende una delle aree protette più grandi al mondo.

La parte del Botswana è meno sviluppata e ospita il 75% del parco. Il lato sudafricano, invece, offre molte più infrastrutture.

Il parco è attraversato da due strade principali che corrono seguendo i letti di fiumi aridi e tagliano le caratteristiche dune del parco.

I fiumi del parco sono quasi sempre asciutti, trasportano acqua solo in periodi di precipitazioni eccezionalmente elevate. Sono millenni che l’intera regione non offre una fonte d’acqua permanente. Per questo, negli ultimi cento anni sono stati costruiti pozzi, prima come approvvigionamento idrico per una guerra imminente, ora come riserva d’acqua per la fauna selvatica.

E’ un parco molto particolare. Ci sono condizioni estreme, dalle strade mal messe alle condizioni meteorologiche estreme. Vista la sua posizione remota e gli enormi spazi aperti, se qualcosa va storto, potresti rimanere bloccato per ore senza ricevere aiuto.

Per questo motivo, il lato sudafricano del parco utilizza un sistema di permessi per garantire maggiore sicurezza ai visitatori. In pratica, consegni il tuo permesso ogni sera quando entri al campo e lo riprendi quando riparti al mattino successivo. Inoltre, devi informare lo staff in quale direzione intendi andare. Se non ti presenti al campo designato entro un determinato orario, un membro dello staff viene a cercarti.

Dal lato del Botswana, le cose sono ancora più complesse, soprattutto nel Mabuasehube e nelle regioni di Kaa. Nessuno tiene traccia di dove sei. Devi essere completamente autosufficiente ed essere preparato in caso di emergenza. Non ci sono recinzioni, chalet, elettricità, acqua, negozi, distributori di benzina o bancomat. Nient’altro che sabbia.

Questo significa che devi essere totalmente autonomo. Inoltre, tieni presente che il telefono non prende in tutto il parco. Potresti essere in grado di ricevere del segnale dalla rete Vodaphone del Sudafrica a Twee Rivieren.

 

Mappa di Kgalagadi

Se cerchi una mappa dettagliata del Kgalagadi, che include tutte le strade, i campi e le pozze d’acqua, puoi scaricare la mappa ufficiale del parco del Kgalagadi Transfrontier Park. In ogni caso, riceverai una mappa alla reception al momento del check-in.

 

Fauna selvatica del Kgalagadi

A prima vista il Kalahari può sembrare un luogo desolato, privo di vita. Ma in realtà è pieno di creature viventi. Non troverai la stessa diversità di specie del Kruger National Park, ma questo non dovrebbe sorprenderti se consideri il fatto che non c’è una fonte d’acqua permanente. Nonostante questo, migliaia di specie si sono adattate per sopravvivere in questo ambiente.

Mammiferi

Anche se 60 specie di mammiferi potrebbero non sembrare molte per una regione così vasta, tieni presente che quasi un terzo di loro sono predatori. Questo rende l’osservazione dei mammiferi molto eccitante.

Antilopi: la mancanza di acqua permanente non permette ai Kgalagadi di essere popolato dai grandi mammiferi africani come elefanti, ippopotami e rinoceronti. Tuttavia, troverai comunque una serie impressionante di ungulati, tra cui la giraffa e l’eland. Le antilopi più comunemente viste includono l’antilope saltante (springbok), lo gnu, l’alcelafo rosso (hartebeest) e l’orice gazzella, che è il simbolo iconico del Kalahari.

Felini: il Kalahari è un paradiso per gli amanti dei felini. Il parco ospita 5 specie differenti. Puoi avvistare ghepardi, leoni, il gatto selvatico africano e leopardi.

Altri predatori del Kalahari: molti altri predatori grandi e piccoli vengono comunemente avvistati. Sono presenti tre specie di iene tra cui la iena maculata e la iena bruna che si vedono meglio al mattino presto. Il parco ospita anche aardwolf, lo sciacallo dal dorso nero, la volpe del capo, il tasso del miele, la genetta, la mangusta gialla, la mangusta snella, e il suricato.

Se sei fortunato potresti anche intravedere il toporagno elefante del bushveld, che è uno dei Piccoli Cinque animali dell’Africa, o il timidissimo oritteropo o pangolino.

Uccelli

Il Kgalagadi Transfontier Park è un paradiso anche per gli amanti del birdwatching. Oltre 300 specie sono registrate nel parco, e circa la metà sono residenti tutto l’anno o visitatori regolari.

Puoi facilmente osservare l’uccello più grande del mondo, lo struzzo, o l’uccello volante più pesante del mondo, l’otarda kori. Ma ciò per cui è famoso il Kgalagadi, è la sua incredibile varietà di specie di rapaci .

Tawny Eagles e Bateleurs sono facilmente osservabili intorno alle pozze d’acqua. Enormi uccelli segretari (segretary bird) spesso sono avvistati attraversano le praterie.

Ma il parco offre anche falchi lanario, avvoltoi e astori. Il parco è anche un punto caldo per i gufi africani, barbagianni e aquila marziale. E questo è solo un piccolo assaggio delle oltre 36 specie di rapaci regolarmente avvistate nel Kgalagadi.

Rettili e anfibi del Kalahari

Nonostante l’ambiente arido, il parco è un rifugio per 9 specie di rane, inclusa la rana toro gigante, lunga fino a otto pollici dal naso alla coda; diversi serpenti compreso il bellissimo cobra del capo giallo-arancio e la vipera.

Le due tartarughe che si trovano qui sono la grande tartaruga leopardo (leopard tortoise), e la piccola tartaruga tenda del Kalahari.

Come la maggior parte delle regioni aride, anche il Kalahari supporta un’ampia varietà di lucertole come l’agama di terra dal mento blu e i minuscoli gechi.

 

Come arrivare

Non c’è un aeroporto nel Kgalagadi Transfrontier Park. Quindi devi entrare in macchina.

Entrando dal Sudafrica: il cancello d’ingresso principale è a Twee Rivieren, all’estremità meridionale del parco. L’aeroporto più vicino a Twee Rivieren è a Upington, a circa 2,5 ore di auto a sud del parco.

Se voli su Johannesburg, dovrai guidare per circa 11 ore per raggiungere l’ingresso.

Entrando dalla Namibia: se arrivi dalla Namibia, accederai dal cancello di Mata Mata. Dalla capitale Windhoek, sono circa 6,5 ​​ore di macchina. Tieni presente che devi attraversare il confine internazionale dalla Namibia nel parco entro le 16:30!

Entrando dal Botswana: ci sono 3 punti in cui puoi entrare nel Kgalagadi dal Botswana. Uno è attraverso il cancello Mabuasehube raggiungibile attraverso piste di sabbia remote e impegnative (necessario un veicolo 4×4). Il secondo è attraverso l’estremità nord del parco, tramite il cancello Kaa, che potrebbe essere ancora più impegnativo e remoto del cancello Mabuasehube. Il terzo è l’entrata da Two Rivers.

 

Quando visitare il Kgalagadi Transfrontier Park

Tutto l’anno è un ottimo momento per visitare il Kgalagadi, ma ogni stagione ha i suoi pro e i suoi contro. Essendo un ambiente desertico, le temperature possono essere estreme. Le massime estive possono superare regolarmente i 40°C e le minime invernali possono raggiungere i -10°C. Le stagioni funzionano in questo modo:

  • Da ottobre a dicembre: caldo e secco
  • Da dicembre ad aprile: stagione delle piogge e caldo
  • Da maggio a settembre: freddo e secco

Visitare in estate. I vantaggi sono che meno persone visitano durante questo periodo dell’anno, quindi hai più opzioni di alloggio e hai maggiori probabilità di essere in grado di effettuare prenotazioni dell’ultimo minuto. Inoltre, è anche la stagione dei cuccioli.

I contro sono che è caldo. Superando regolarmente i 40°C, a volte fa troppo caldo. Gli animali non tendono ad essere attivi in ​​condizioni di caldo estremo. Un altro problema è che le giornate sono molto più lunghe in estate. Se vuoi essere al cancello all’apertura e alla chiusura, le ore migliori per la fotografia, allora hai una lunga giornata davanti a te.

A volte le piogge iniziano già dicembre. Tieni presente che è possibile che piova molto e che le strade potrebbero allagarsi. Se le piogge non sono ancora iniziate a dicembre, è ancora molto secco e la selvaggina potrebbe essersi trasferita completamente fuori dalla regione in cerca di pascoli più verdi.

Visitare in inverno. L’altro estremo è luglio e agosto. I pro sono che le giornate sono più brevi ed è più facile rimanere fuori dall’alba al tramonto ogni giorno. Inoltre hai una migliore possibilità di vedere creature notturne alla luce del giorno nei giorni più freddi.

Gli svantaggi sono che le tende dei campeggi sono prive di riscaldamento e possono essere piuttosto fredde in inverno. (Avrai coperte calde e docce con acqua calda se i tubi non si sono congelati.) Inoltre, questo è il periodo in cui la maggior parte degli europei trascorre le vacanze, quindi può essere affollato.

I periodi da marzo a giugno e da settembre a dicembre offrono temperature più moderate. Marzo e aprile sono alla fine della stagione delle piogge e negli anni piovosi il Kalahari è meravigliosamente verde, ma l’erba può diventare abbastanza alta da rendere difficile l’osservazione della fauna.

 

Dove dormire nel Kgalagadi Transfrontier Park

Sia che tu stia cercando un’avventura in campeggio, un rifugio nella natura selvaggia o solo un semplice chalet, ci sono molte opzioni di alloggio disponibili all’interno del parco, ma tendono a riempirsi molto in anticipo.

Dove dormire nel lato sudafricano

Campeggi: il campeggio ha un prezzo abbastanza ragionevole nel parco Kgalagadi Transfontier, e ci sono un’abbondanza di campeggi facilmente accessibili nei tre principali campi: Twee Rivieren, Mata Mata e Nossob. Alcuni siti hanno elettricità, altri no. Ci sono anche alcuni nuovi campeggi “premier” a Nossob che offrono anche il bagno privato e un angolo cottura.

Chalet con angolo cottura: c’è un’ampia varietà di chalet disponibili in ciascuno dei tre principali campi: Twee Rivieren, Mata Mata e Nossob. Questi campi principali funzionano come piccoli villaggi, ognuno con un assortimento di alloggi (chalet e campeggi), un negozio, una stazione di servizio, un ufficio del parco, una piscina, un nascondiglio in una pozza d’acqua e sono circondati da una recinzione perimetrale. L’unico ristorante è al Twee Rivieren che include un pranzo da asporto e una sala da pranzo per la cena.

Wilderness Camps: Sebbene siano chiamati “campi”, non è coinvolto il campeggio. In effetti, ognuno è un set di quattro cabine splendidamente progettato in una remota area selvaggia del parco senza recinzioni intorno, il che significa che qualsiasi animale può vagare in qualsiasi momento. Per questo motivo, i bambini sotto i 12 anni non possono soggiornarequi. Il clou è che ogni campo si affaccia su una pozza d’acqua che puoi guardare tutta la notte per vedere rare creature notturne come leopardi, caracal e iene.

Non sono lussuose ma hanno letti comodi, bagni con docce con acqua calda e cucine completamente funzionali con frigorifero/congelatore, fornelli a gas e tutte le posate e le pentole. Tieni presente che l’elettricità è fornita da pannelli solari, quindi non forniscono alcuna presa di corrente e l’acqua del pozzo è troppo salata per essere bevuta, quindi porta la tua.

Ecco un elenco dei Wilderness Camps:

  • Urikaruus (5 unità)
  • Kieliekrankie (4 unità)
  • Campo tendato del Kalahari (15 unità)
  • Grootkolk (4 unità)
  • Gharagab (4 unità)
  • Bitterpan (4 unità)
  • Campo selvaggio di Bitterpan

Lodge: c’è un solo lodge sul lato sudafricano del parco e si chiama !Xaus Lodge. Sebbene sia essenzialmente progettato come gli altri campi wilderness, questo lodge di lusso dispone di 12 chalet e comprende un’area comune dove vengono serviti 3 pasti al giorno. Tutte le attività e i game drive sono inclusi. Il lodge si trova all’estremità occidentale del parco tra il San Heritage Land e il Miera Heritage Land. Anche se il lodge è un po’ caro, ha il grande vantaggio di aiutare a preservare la cultura San e di fornire un’autentica esperienza culturale.

Dove alloggiare nel lato del Botswana

Le opzioni di alloggio sul lato Botswana del Kgalagadi Transfrontier Park sono limitate al primitivo campeggio nella natura selvaggia e a due lodge.

Campeggio Kgalagadi in Botswana. Ci sono tre principali aree di campeggio sul lato Botswana del Kgalagadi:

1) Le aree di campeggio “front country” sono facilmente accessibili dalla strada principale Nossob (appena oltre il confine con il Botswana). Questi includono il campeggio Two Rivers, il campeggio Rooiputs e il campeggio Polentswa. Ognuna di queste aree di campeggio ha un numero limitato di piazzole (da 3 a 6) con pochissime strutture. Non sono recintati e la maggior parte ha solo una struttura ad A per l’ombra e una toilette a fossa.

Sono ubicati abbastanza vicini alla strada principale, ma la strada di accesso potrebbe avere sabbia profonda ed essere impegnativa per un veicolo a 2 ruote motrici. Pertanto sono contrassegnati solo come 4×4.

2) La zona di Mabuasehube. All’estremità orientale del parco si trovano i remoti campeggi di Mabuasehube. Ci sono solo 17 siti e sono primitivi, come quelli di “front country”. Tuttavia, questi siti sono lontani dai sentieri battuti e richiedono un 4×4 per arrivarci.

3) La regione di Kaa. La remota estremità settentrionale del parco è conosciuta come la regione di Kaa. Ci sono alcuni sentieri 4×4 che possono essere seguiti verso una serie di campeggi primitivi nella natura selvaggia. Ci sono generalmente concentrazioni di fauna selvatica più basse qui, quindi Kaa è più un’avventura remota nella natura selvaggia che l’osservazione della fauna selvatica

Lodge: ci sono due lodge situati sul lato Botswana del Kgalagadi, entrambi gestiti da Ta Shebube. Uno è il Rooiputs Lodge e l’altro è il Polentswa Lodge.

Dove alloggiare fuori del parco

Se vuoi solo entrare nel parco per gite di un giorno, tieni presente che il parco limita il numero di visitatori giornalieri che possono entrare ogni giorno a un massimo di 20 auto.

Se stai entrando dal Sudafrica dal cancello principale di Twee Rivieren, la tua migliore opzione è il Kgalagadi Lodge a soli 5 km dal cancello. Dispone di confortevoli chalet con una bella vista, campeggi e un ottimo ristorante e negozio. Un’altra buona opzione è Kalahari Trails a circa 35 km a sud dell’ingresso.

Se arrivi dalla Namibia attraverso Mata Mata, tieni presente che il valico di frontiera chiude alle 16:30, quindi se arrivi dopo dovrai trovare un alloggio fuori dal parco in Namibia. C’è un piccolo Farmstall a soli 200 metri dal confine che ha alcuni chalet e campeggi, e un altro chiamato Kalahari Farmstall & Accommodation a circa 15 km indietro con chalet a prezzi ragionevoli, campeggio e una bella caffetteria in loco.

Se stai entrando dal Botswana dal cancello Mabuasehube o dal cancello Kaa non troverai alcuna opzione di alloggio nelle vicinanze.

 

Come prenotare un alloggio nel Kgalagadi

Se vuoi prenotare un alloggio nella parte sudafricana del Kgalagadi, il modo più semplice è attraverso il sito web di SANparks. È ben organizzato ed efficiente. Puoi pagare con carta di credito attraverso il sito web. Ma i lodge nella natura tendono a riempirsi molto in anticipo, quindi pianifica in anticipo! Ecco alcune ulteriori informazioni di contatto per le prenotazioni di Kgalagadi sul lato sudafricano.

Contatti per il Sudafrica Kgalagadi Transfrontier Park

  • Prenotazioni centrali di SANParks Tel: 012-428-9111
  • E-mail: reservations@sanparks.org
  • Web: sanparks.org
  • Kgalagadi Parco transfrontaliero telefono: 054-561-2000

Per effettuare prenotazioni presso i lodge sul lato Botswana (Rooiputs lodge e Polentswa lodge) è possibile prenotarli tramite il sito web di Tashebube.

Contatti le prenotazioni del Botswana per il Parco transfrontaliero di Kgalagadi

  • Prenotazioni DWNP Tel: +267-318-0774
  • E-mail: dwnp@gov.bw

 

Regole per visitare il Kgalagadi Transfrontier Park

Rispettare gli orari dei cancelli in ogni campo. Devi tornare al campo entro l’orario di chiusura del cancello e non puoi lasciare il campo fino all’orario di apertura del cancello al mattino. Questi tempi variano di mese in mese in base all’alba e al tramonto. Gli orari li puoi trovare nella guida del parco, affisso ad ogni cancello del campo. Tieni presente che il giorno del tuo arrivo devi entrare nel parco con abbastanza tempo per guidare (sotto il limite di velocità) al tuo primo restcamp riservato, altrimenti non ti faranno entrare nel parco!

Rispetta i limiti di velocità. Il limite di velocità nel parco è di 50 km/ora. Se sei in un fantastico avvistamento e si sta facendo tardi, mi dispiace ma devi andartene. Se arrivi al tuo restcamp dopo l’orario di chiusura del cancello sarai multato. Hanno anche controlli di velocità radar casuali lungo le strade e ti prenderanno.

Non dare da mangiare alla fauna selvatica.

Non riprodurre musica. Rispetta i tuoi vicini (persone o animali selvatici). La guida ufficiale afferma “nessun rumore tra le 21:00 e le 07:00”.

Non uscire dall’auto mentre sei nel parco, nemmeno metà del tuo corpo fuori dalla finestrino, dalla porta o dal tettuccio apribile. Sarai multato se lo fai e altri ospiti potrebbero denunciarti se ti vedono. Puoi uscire solo nei campi di riposo e nelle aree designate (come le aree picnic) ma lo fai a tuo rischio e pericolo e devi guardarti intorno e prestare attenzione!

Non guidare fuori strada. Il Kalahari è un ecosistema fragile e potrebbero volerci decenni per ripristinare il danno.

Niente droni. Come in tutti i parchi nazionali del Sudafrica, è severamente vietato l’uso di droni con telecamera all’interno e sopra il parco.

Altre regole:

  • Non raccogliere legna da ardere
  • Riduci la pressione dei pneumatici a 1,6 bar per ridurre l’assestamento e ottenere una migliore trazione
  • Tieni gli occhi aperti per i serpenti e gli scorpioni quando cammini di notte per i campi e porta una torcia elettrica

 

Domande frequenti:

Posso guidare da solo nel Kgalagadi Park?

Sì, puoi guidare da solo nel Kgalagadi! Ogni strada nella metà meridionale del lato sudafricano è ben tenuta e facile da guidare con qualsiasi veicolo.

Se non ti senti a tuo agio nel guidare nel parco, è possibile pagare per i safari guidati del campo.

Ho bisogno di un 4×4 per visitare il Kgalagadi?

No, non hai bisogno di un 4×4 per visitare il Kgalagadi. Bastano le 2 ruote motrici. Il trucco è abbassare la pressione dei pneumatici a 1,6 bar. Questo ti darà una migliore trazione sulla sabbia e causerà meno washboard sulle strade. Tuttavia, non puoi raggiungere ogni area del parco con una 2 ruote motrici.

Alcune strade del parco sono rigorosamente per veicoli 4×4. Il lato del Botswana è rigorosamente 4×4, quindi se non ne hai uno o non puoi permetterti di noleggiarne uno, dimentica quel lato del parco. Ci sono anche due strade sul lato sudafricano, la strada Bitterpan e la strada Gharagab, che sono rigorosamente 4×4 e solo i visitatori con una prenotazione in quei campi possono attraversarle.

La malaria nel Kgalagadi?

Il Kgalagadi NP è privo di malaria.

I negozi del campeggio sono ben forniti?

Il negozio principale di Twee Rivieren è quello con più varietà. Troverai prodotti secchi, vino, carne surgelata, snack, acqua, legna da ardere, yogurt, formaggio e alcune verdure (pomodoro, cetriolo, lattuga…) piuttosto semplici ma troverai anche gelati e l’unico bancomat nel parco !

Il negozi a Nossob e Mata Mata sono molto più piccoli con meno prodotti. I prodotti freschi sono più difficili da trovare. Se hai bisogno di qualcosa di specifico, prendilo prima di entrare nel parco. Se stai acquistando alcolici, ricorda che secondo la legge sudafricana non si vendono alcolici la domenica.

Ci sono bancomat nel parco?

Sì, c’è un bancomat nel negozio di Twee Rivieren, ma nota che a volte non ha contanti! Spesso ti verrà detto che metteranno dei contanti alle 15:00 al cambio turno dei dipendenti quando svuotano il cassetto. In alterativa, puoi andare alla reception e possono darti contanti usando la tua carta di credito.

Che valuta posso usare?

È necessario utilizzare rand sudafricani dal lato sudafricano e Pula dal lato del Botswana. I dollari namibiani non sono accettati.

Ci sono distributori di benzina nel parco?

Sì, c’è una stazione di servizio in ciascuno dei principali campi (Twee Rivieren, Mata Mata e Nossob). Ma i prezzi sono un po’ più alti rispetto a quelli fuori dal parco. Accettano carte di credito. Tieni presente che in alcune occasioni può diventare così caldo nel pomeriggio che le pompe non funzionano, quindi è meglio fare rifornimento al mattino o alla sera nelle giornate molto calde!

C’è il wifi a Kgalagadi?

Si, ma solo nei tre principali restcamp. Il segnale è molto debole e potrai averlo solo dal negozio in ciascuno dei campi. Avrai bisogno di un voucher per ottenere il wifi, acquistato nei negozi per 75R.

Devo portare la mia acqua?

Una cosa da ricordare è che l’acqua è molto scarsa nel Kalahari. Se soggiorni nei campi principali (Twee Rivieren, Mata Mata e Nossob)

Se soggiorni nei campi wildernee o ti accampi nei siti remoti del Botswana, devi portare la tua acqua potabile. L’acqua nei campi wilderness proviene dai pozzi ed è molto salata/mineralizzata. Sebbene questa sia l’acqua che utilizzerai per la doccia e per lavare i piatti, non è consigliabile berla.

Articoli recenti

Gombe National Park

Il Gombe National Park è il parco più piccolo della Tanzania ed è uno dei gioielli meglio custoditi del paese. Situato vicino al confine...

La Columbia Icefields Parkway: guida di viaggio

La Columbia Icefields Parkway in Canada è una delle migliori strade panoramiche del mondo. Se stai pianificando il tuo viaggio nelle Montagne Rocciose canadesi, sei...

Animali Canada

Il Canada è una vasta nazione che si estende dal confine settentrionale degli Stati Uniti, attraversa vaste praterie, montagne monumentali, foreste lussureggianti e tundra...

Montagne Rocciose Canadesi

Stai programmando un viaggio nelle Montagne Rocciose Canadesi ma non sai da dove cominciare? Vuoi visitare i posti migliori di Jasper, Yoho, Kootenay o...

Safari in Africa: le regole da rispettare

La maggior parte delle persone che fanno un safari in Africa viaggia con una compagnia turistica e vengono accompagnati da guide professionali che fanno...

Gli 11 migliori musei New York

New York è una città vivace e piena di vita. Le sue principali attrazioni sono note in tutto il mondo. Compaiono spesso nei film...