Quando visitare la Death Valley

Quando visitare la Death Valley: il periodo migliore per visitare la Valle della Morte è in primavera con i fiori di campo in fiore o in autunno con cielo spesso sereni. In entrambe le stagioni le temperature piacevoli, anche se la primavera si accompagna con  temporali e vento forte. I mesi invernali sono più freddi ma comunque sempre fantastici e sono meno affollati.

La Valle della Morte è uno dei deserti più aridi del mondo, ma le altitudini vanno da 86 metri sotto il livello del mare ad oltre 3.300 metri sopra. Questo significa che in estate, quando ci sono i torridi 49 ° C, i rilievi montuosi del parco riescono a dare un pò di sollievo, con temperature intorno ai 20 ° C. Mentre in inverno, le cime si tingono di un bel bianco nevoso con temperature gelide.

 

Quando visitare la Death Valley

 

Per ovvie ragioni l’estate non è il periodo migliore per visitare la Death Valley. Il parco diventa estremamente caldo, con temperature che raggiungono molto spesso anche i 49°C e il campeggio, in questo periodo, è fortemente sconsigliato.

La primavera e l’autunno sono i periodi migliori. In primavera il clima è caldo ma non eccessivo. L’unico aspetto negativo è che esiste una forte possibilità di pioggia e temporali e condizioni di vento estreme. L’autunno è ancora caldo, anche se le notti iniziano a rinfrescarsi.

L’inverno può essere un buon momento per andare nella Death Valley per ammirare lo spettacolare paesaggio con le cime innevate sullo sfondo. Inoltre non ci sono molti visitatori in giro in quel periodo. Ma fa molto freddo, quindi metti in valigia vestiti caldi.

 

Primavera (marzo – inizio maggio)

La primavera rappresenta un’ottimo periodo per andare nella Death Valley. Le temperature sono piacevoli anche se potresti trovare pioggia e vento. Il vento alza la sabbia del deserto e può durare anche per giorni, mettendo a dura prova il campeggio.

Una vera e propria attrazione sono gli splendidi fiori selvatici che fioriscono in primavera. Tuttavia, è un’eccezione vedere l’intero deserto pieno di tutti i tipi di fiori colorati. In alcuni anni, ce ne sono solo alcuni.

Periodi di picco fioritura:

  • Metà febbraio – metà aprile: nella valle bassa (aree: Jubilee Pass, Highway 190 vicino a Furnace Creek Inn, base del Daylight Pass)
  • Inizio aprile – inizio maggio: dai 600 ai 1200 metri di altezza (2000 a 4000 piedi). (Area: Panamint Mountains)
  • Primi di maggio – metà luglio: sopra i 1200 metri. (area: alti punti panoramici)

 

Per quanto riguarda la folla, tieni presente che anche la primavera è una stagione intensa. Non come l’estate, ma comunque affollata durante le vacanze di primavera, dall’ultima settimana di marzo fino alla settimana dopo Pasqua. Assicurati di prenotare con largo anticipo se pensi di viaggiare in questo periodo.

 

Estate (metà maggio – settembre)

L’estate arriva molto presto nella Valle della Morte. A maggio, la temperatura media raggiunge già i 38 °.

Giugno, luglio, agosto sono i mesi più torridi, con temperature che toccano i 49°C. La cosa positiva è che si tratta di un caldo secco, con un basso grado si umidità. Agosto e Settembre vedono anche temporali che possono provocare pericolose inondazioni. Controlla sempre le previsioni del tempo prima di partire per un’escursione.

In estate il campeggio e le escursioni non sono consigliate per via del caldo bollente. Se vuoi fai qualcosa all’aria aperta a quote basse, fallo fino alle 10 del mattino. In alternativa, puoi puntare su un paio di escursioni da fare a quote più elevate: Wildrose Peak e Telescope Peak.

Nonostante il caldo, luglio e agosto sono i mesi di alta stagione. Ma quasi tutti si spostano in auto tra un’attrazione e l’altra. E visitano solo per 2/3 ore o al massimo per mezza giornata, trascorrendo la maggior parte del tempo in auto.

 

Autunno (ottobre – novembre)

Anche in autunno le temperature rimangono calde, ma sono più piacevoli e di solito i cieli sono sereni.

In autunno è possibile fare le escursioni anche a quote più basse. In ogni caso, parti presto alla mattina, in modo da evitare il più possibile il caldo di mezzogiorno.

Sono mesi relativamente poco affollati, tranne nei giorni della Death Valley “49ers Week e per il Thanksgiving (Ringraziamento), entrambi in novembre.

 

Inverno (dicembre – febbraio)

In inverno le temperature calano drasticamente, ma non fa mai freddo freddo, ad eccezione delle quote più elevate, dove può anche nevicare, colorando di bianco Telescope Peak. Inoltre i mesi di gennaio e febbraio portano più pioggia, ma di solito non piove molto.

I mesi invernali sono anche i mesi con meno luce, ma è comunque sufficiente per trascorrere l’intera giornata all’aperto.

Dicembre, gennaio e gran parte di febbraio sono mesi più tranquilli dal punto di vista del turismo. Fatta eccezione della settimana di Natale e Martin Luther King, Jr., e i fine settimana.

 

Consigli per evitare le grandi folle di turisti

 

Visto l’elevata temperatura, potresti pensare che nessuno visiti la Death Valley quando ci sono 49 ° C all’esterno. Invece la Valle della Morte è un destinazione popolare tutto l’anno, estate compresa.

Di seguito trovi alcuni utili consigli che ti aiuteranno a rendere più piacevole la tua visita nella Valley.

Prenota il tuo alloggio il prima possibile, almeno 2 o 3 mesi in anticipo. Le strutture alberghiere e i resort sono limitati all’interno del parco. Se vuoi campeggiare in uno dei campeggi con la regola ‘il primo arriva, il primo è servito’, allora cerca di arrivare alla struttura entro mezzogiorno per vedere se sei fortunato ad aggiudicarti una piazzola.

Evitare i fine settimana e durante i periodi di vacanza scolastica. Inoltre, pianifica di fare le attività più popolari nelle prime ore del giorno, prima che la folla raggiunga il suo apice (intorno alle 10 del mattino). oppure aspetta che la folla se ne vada, intorno alle 16:00. Ricordati che il sole non tramonta fino a dopo le 19:00 tra giugno e settembre e rimane caldo ben oltre la mezzanotte.

Se puoi disporre di un veicolo 4×4, allora scopri le valli nascoste, città fantasma, dune di sabbia e canyon remoti che sono inaccessibili per alla maggior parte dei visitatori della Death Valley.

Controlla la mappa ufficiale del Park Service, dove le strade sono chiaramente contrassegnate in base alla loro accessibilità e chiedi ai renger del centro visitatori le condizioni stradali.

Articoli recenti

Gombe National Park

Il Gombe National Park è il parco più piccolo della Tanzania ed è uno dei gioielli meglio custoditi del paese. Situato vicino al confine...

La Columbia Icefields Parkway: guida di viaggio

La Columbia Icefields Parkway in Canada è una delle migliori strade panoramiche del mondo. Se stai pianificando il tuo viaggio nelle Montagne Rocciose canadesi, sei...

Animali Canada

Il Canada è una vasta nazione che si estende dal confine settentrionale degli Stati Uniti, attraversa vaste praterie, montagne monumentali, foreste lussureggianti e tundra...

Montagne Rocciose Canadesi

Stai programmando un viaggio nelle Montagne Rocciose Canadesi ma non sai da dove cominciare? Vuoi visitare i posti migliori di Jasper, Yoho, Kootenay o...

Safari in Africa: le regole da rispettare

La maggior parte delle persone che fanno un safari in Africa viaggia con una compagnia turistica e vengono accompagnati da guide professionali che fanno...

Gli 11 migliori musei New York

New York è una città vivace e piena di vita. Le sue principali attrazioni sono note in tutto il mondo. Compaiono spesso nei film...