Il tuo esperto del

Kenya

Guida di viaggio

Il Kenya è uno dei più collaudati paesi per un safari nel bush. Di natura selvaggia e wildlife ce n’è in abbondanza. Dai lodge di lusso, ai campi tendati. Dal safari classico agli itinerari più ricercati. C’è spazio per ogni esigenza ed ogni tipo di budget.

 

5

Quando andare

5

Dove dormire

5

Come muoversi

Safari, mare e tribù. Queste sono le tre parole che rendono magico il Kenya. Una perfetta combinazione tra avventura, relax e cultura. Eccezzionali sono i game drive e i walk safari nell’Amboseli National Park oppure nei Tsavo Parks. Ammira le enormi mandrie di gnu che arrivano dal Serengeti, in Tanzania, per stazionare nell’area del Masaai Mara National Park. Cattura immagini spettacolari ai fenicotteri del Lake Nakuru National Park, alle porte del Great Rift Valley.
Dopo giornate intere trascorse nel bush, puoi raggiungere la costa e rilassarti nelle spiaggie bianche vicino a Malindi e Watamu, entrame mete molto gettonate. Malindi piace perchè è vivace e colorata, con hotel, ristoranti, bar e negozi. Watamu invece la apprezzerai per la sua atmosfera rurale e le spiagge circondate da bellissime palme.
Se vuoi un tocco in più di cultura, raggiungi la tribù dei Samburu, popolo semi-nomade che vive nel nord del Kenya.

 

Guide del Kenya

Coming Soon

Informazioni pratiche

Capitale del Kenya: Nairobi

Lingua: Kiswahili, indigenous languages e inglese.

Valuta: la valuta del Kenya è lo scellino Kenioto.

Carte di credito e bancomat: gli sportelli ATM si trovano nelle più grandi città. La carta di credito è accettata nei principali lodge, ma è comunque sempre consigliabile avere dietro del contante. I dollari sono ben accetti come mance.

Prese di corrente: 240 V, 50 Hz.

Aeroporti internazionali del Kenya

Il Kenya ha tre aeroporti internazionali; Aeroporto Internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi (il principale), Aeroporto Internazionale Moi di Mombasa e Aeroporto Internazionale di Eldoret.

 

Visto e documenti di viaggio

come cittadino italiano, per visitare il Kenya come turista hai bisogno di:

passaporto con validità di almeno sei mesi e deve avere una pagina intera bianca

biglietto aereo di andata e ritorno (o comunque un biglietto aereo di uscita dal paese). Questo perchè all’arrivo, in aeroporto, verrà messo un timbro sul passaporto con indicata la durata del soggiorno.

VISTO del costo di 40 euro. Il visto può essere per 1 mese o per 3 mesi, ed è rinnovabile fino a 6 mesi.

Periodo migliore per visitare il Kenya: il momento migliore per osservare le molteplici specie animali nel loro habitat naturale è durante la stagione secca, che va da fine giugno a ottobre. La Grande Migrazione degli gnu, normalmente arriva al Masai Mara a luglio e rimane fino a ottobre, quando ripartono per tornare nell’area del Serengeti National Park, in Tanzania.
Durante la stagione secca è molto più facile ammirare gli animali perchè la vegetazione è meno densa e gli animali escono allo scoperto e girano nelle vicinanze delle pozze d’acqua e fiumi in cerca di acqua. Non piove praticamente mai e ci sono meno zanzare.

Durante la stagione delle pioggie, il panorama si ravviva di un bel verde acceso, è facile ammirare i cuccioli appena nati e i prezzi sono generalmente più bassi. In questi mesi piove molto. Non tutto il giorno, ma cadono scrosci d’acqua abbastanza pesanti, ma normalmente non compromettono la buona riuscita del safari.